LA PIENA COSCIENZA eserc. n° 3

ESERCIZIO DELLA PIENA COSCIENZA CONSENTE DI RISTRUTTURARE LA FORMA MENTIS CAPACE DI VEDERE, ANZICHE’ SOLAMENTE GUARDARE, ANCHE DIETRO L’IMMAGINE VISIBILE.

La piena coscienza ci consente di scoprire il contenuto ANALITICO di quello che vediamo e delle emozioni positive e di quelle negative o distruttive stimolate dal significato dietro la superficie visibile. Portare le emozioni alla consapevolezza analitica, ci consente di cominciare a gestirle con il ragionevole buon senso. Cominciate a allenarvi nel quotidiano a vedere e  acquisirne la  cognizione. Si tratta di esercitare il pensiero, i sensi e l’ esperienza.

Cominciate con il vedere  nel  mattino  il giorno più bello della  vita e nella sera la notte più serena che vi sia. Gestite i problemi nelle vicissitudini della vita sapendo che senza le vicissitudini non  c’è vita. Le emozioni si presentano con impulsi energetici nel corpo, straordinari e non durevoli, che prendono origine da eventi, da pensieri e pregiudizi non analizzati e non censurati con buonsenso. Prenderne la piena coscienza consente di gestirle e di evitare i conseguenti comportamenti inopportuni. Osservando noi stessi, in modo analitico, nella quotidianità, la piena coscienza può diventare parte della nostra vita, anche nel leggere le emozioni e guidarle saggiamente al buonsenso.